gratitudine
13 marzo 2017

La GRATITUDINE è uno stile di Vita

la gratitudine è uno stile di vitaUn segno chiaro che ci troviamo in presenza di un’Essenza matura e più consapevole della norma, è il fatto che la persona si trova quasi sempre a vivere la Gratitudine. Mentre l’Essenza immatura è rimasta allo stadio del bambino, che è spesso affascinato da qualcosa ma anche preda di sentimenti contrastanti ed in rapido cambiamento, la gioia della Gratitudine richiede un impegno nel tempo prima di consolidarsi e diventare costante.

Anche il bambino gode delle piccole cose e le esplora curioso ed attento ma un’inezia può farlo arrabbiare, o innervosire, o esplodere nel pianto tanto quanto nella risata.

L’adulto che frequenta strade di Consapevolezza nutre la propria Essenza con “impressioni” nobili ed elevate, provando piacere e gioia nel gustarle con i propri cinque sensi. Può essere la musica, l’arte, la fotografia, la poesia, la lettura; può essere la Natura nelle sue meravigliose ed infinite sfumature, nel Cielo e nel mare, nella montagna e nei fiumi, nei laghi e nelle foreste, ovunque il Creato si manifesti con abbondanza di colori e di poesia.

La Gratitudine è la virtù di chi riconosce il valore delle cose che ha ricevuto senza averne alcun merito, ad esempio la Vita, la Salute, i comfort di cui gode. Ed è anche di chi ottiene qualcosa a prezzo di impegno, sforzo e fatica, e riconosce che senza quel “quid” di imponderabile, senza quel pizzico di fortuna disseminata qua e là, sarebbe potuta andare diversamente, ed è grato per questo. E’ una vibrazione che va coltivata quando ogni cosa va bene, quando si ha molto, per poter apprezzare quello che rimane, quando alcune o tante cose ci vengono tolte.

Ci si allena, con la Gratitudine, a non dare mai niente per scontato; a sentirsi sempre un po’ provvisori, e mai del tutto stabili, arrivati, riusciti. La pienezza della Gratitudine incondizionata – che non necessita di nessun motivo particolare per esserci – appare quando si comprende e si accetta il fatto d’essere Qui solo di passaggio, e si scopre che, in questo viaggio, sempre sorprendente, chiamato “Vita”, ci sono cose splendenti e meravigliose, e sensazioni da provare con il corpo, e colori infiniti da vedere, e profumi da annusare e gusti da apprezzare, che – forse – nelle altre dimensioni scarseggiano un po’.

Certo, lì c’è l’infinito, la pace, la Luce incommensurabile; eppure questa banale terza dimensione deve avere un suo fascino anche da lì, se continuiamo a ritornarci, ed a sfidare la nostra Anima ad evolvere su questo tormentato pianeta.

La Gratitudine è una compagna di Viaggio piacevole e sicura e, in sua compagnia, la solitudine scompare. Quando la Gratitudine appare, non c’è più spazio per quello che non va. Ogni Istante si veste con il suo abito più meraviglioso e brilla come se fosse eterno.

Sì, io ci credo davvero, che ogni Istante di Gratitudine ci ricolleghi immediatamente alla Divinità che dimora dentro di noi e ci offra fantastiche e splendide incursioni nell’Infinito da cui proveniamo. E’ un ponte tra dimensioni, una certezza di Vita eterna, che allunga il piacere ed il godimento dell’Essere Qui.

ARTICOLI RECENTI

    2 Commenti

  • Nicoletta 14 marzo 2017
    Rispondi

    Bellissimo …grazie e ancora grazie

  • Lara 18 marzo 2017
    Rispondi

    Grazie alla vita…??e a TE

  • Lascia un commento