abbondanza
29 aprile 2019

OLTRE LA CORAZZA C’È L’ABBONDANZA – prima parte

abbondanzaForse anche tu ti stai chiedendo come mai non riesci a raggiungere l’abbondanza, quella che dicono sia a nostra disposizione, che sia già qui, per ognuno di noi. È una domanda che mi sono posta spesso anche io, in passato, e ciò che voglio raccontarti è proprio un elenco delle risposte che ho trovato. In effetti, non si tratta di un articolo, si tratta di un sequel, di cui questa è solo la prima puntata!

Questo, e i successivi articoli, sono dedicati a coloro che hanno abbandonato il percorso che li avrebbe potuti portare a incontrare l’abbondanza, SE – e sottolineo SE – avessero avuto il coraggio di attraversare le proprie sensazioni ed emozioni represse. Come ripeto da anni, ciò che è accaduto nella nostra prima infanzia ha creato la nostra mappa del mondo, il carattere che abbiamo, le situazioni e le persone che incontriamo; insomma, in quelle ferite e nella difesa che abbiamo indossato per proteggerci è già scritto tutto ciò che incontreremo successivamente.

I più coraggiosi, grazie ai percorsi intrapresi, o a qualche traumatico avvenimento, riescono a lasciar andare quella corazza, e – magicamente – iniziano a incontrare persone e situazioni che, prima, non avrebbero mai potuto toccare, proprio grazie alla barriera che avevano, inconsapevolmente, costruito tra sé e il flusso, costante e abbondante,  della vita.

abbondanzaQuesta è la slide che utilizzo nei miei workshop per raccontare cosa si può trovare “oltre la corazza”,  e mi sono resa conto che, per spiegare correttamente quello che intendo, poche parole non bastano, e che le tante sfaccettature dell’abbondanza che ho – finora – incontrato, meritano una serie di articoli per essere spiegate.

Come vedi quello che è possibile ottenere per se stessi è davvero molto, e quelle che ti elenco sono alcune delle componenti dell’infinita gamma di ingredienti che si trovano oltre la corazza, e creano abbondanza nella nostra vita!

Eccole:

  • Emozioni
  • Percezioni
  • Sensazioni
  • Comprensioni
  • Intuizioni
  • Sensitività
  • Coscienza di sè
  • Sessualità
  • Verità
  • Consapevolezza
  • Qui e ora
  • Telepatia
  • Preveggenza
  • Lucidità mentale
  • Risposte
  • Soluzioni

Le persone che si rivolgono a me hanno tentato, per lungo tempo, di darsi spiegazioni di quanto è accaduto loro, attraverso ragionamenti logici, e tentato di arrivare a realizzare ciò che desiderano utilizzando la loro mente. Non c’è nulla di sbagliato in questo; abbiamo iniziato tutti così! Ciò che non sapevamo è che quello che volevamo raggiungere non aveva niente a che vedere con la mente, per lo meno, non con la mente conscia!

Ecco perché è importante iniziare a raccontare quello che c’è OLTRE (che poi è solo quello che io ho verificato finora – il resto arriverà!).

Intanto, voglio specificare cosa intendo per abbondanza, che non è necessariamente ricchezza e soldi a non finire, né lusso e vita di società; anzi direi tutt’altro. Ciò che intendo io per abbondanza è la pienezza della Vita, l’intensità  del sentire e del percepire, la sensazione magnifica e magica di essere vivo, di stare dentro un corpo che funziona in modo straordinario, il pulsare dell’esistenza che palpita e scalpita dentro di noi!

Forse, con questa definizione, ti deludo; ebbene, sappi che, nella nostra società, le persone sono sempre più degli “zombie” senza anima né coscienza di sé, che si trascinano dal posto di lavoro a casa, senza neppure accorgersi che stanno vivendo, e che la Vita che stanno buttando via con noncuranza è un Dono inestimabile!

abbondanza

E allora iniziamo dal primo “ingrediente” che costituisce la base indispensabile per creare abbondanza! Eccolo qui:

EMOZIONI

La parola “emozione” deriva dal latino “e-movere” in cui la particella “e” rinforza il significato di “movere”, cioè smuovere, scuotere, agitare, portare fuori, movimento di spirito. In questo movimento sta tutto il significato della nostra esistenza, anche se non lo sappiamo più! Certo, c’è il movimento dei polmoni, che inspirano ed espirano; c’è il movimento del sangue, che il cuore pompa in continuazione; ma se non ci fosse il movimento dello spirito, che si trasforma, non saremmo diversi da un’automa. E gli occidentali si sono ridotti a questo, a essere automi, che hanno chiuso la possibilità di sentire emozione, per non dover percepire l’assurdità di una vita dedita a un lavoro alienante, in un apparato spersonalizzante, per poter guadagnare il necessario per pagare oggetti inutili, o accessori che attestino che abbiamo un valore.

Piangere non è permesso, non è concesso, se non sentendosi sbagliati, in difetto, in colpa, al punto da sentirsi in obbligo di chiedere scusa. Nulla di più assurdo: la vita non è tale senza emozione!

È proprio l’aver cancellato le emozioni che ha creato il blocco, la corazza, che impedisce agli esseri umani di essere umani, cioè quello che quotidianamente verifichiamo: non ci interessa se qualcun altro soffre, viene ucciso o torturato, muore di fame e di stenti; quello che non sentiamo più per noi stessi, non possiamo più sentirlo per gli altri!

Avevo pensato, a questo punto dell’articolo, di allegare un elenco delle emozioni possibili, ma mi sono resa conto che sarebbe davvero interminabile, per cui mi limito a inserire qui una foto degli emoticons che siamo abituati ad utilizzare con il nostro cellulare. Se ti va di contarli, ti accorgerai che sono davvero parecchi, e che – a ognuno di essi – corrisponde uno stato d’animo diverso. Che tu ci creda o no, proprio in questa infinita gamma di emozioni sta tutta la nostra possibilità di abbondanza!

abbondanza

Come ho scritto molte volte, il cambiamento, nella nostra vita, è possibile solo se trasformiamo l’emozione che abbiamo collegato a determinati eventi, cose, persone, situazioni. Non è sufficiente cambiare il nostro modo di pensare o vedere le cose, finchè abbiamo un’emozione a cui stiamo cercando di sfuggire, questa si ripresenterà più e più volte, fino a quando non la integriamo e la trasformiamo. Ecco perchè non possiamo accedere all’abbondanza della vita senza ampliare il più possibile la gamma delle emozioni che riusciamo a percepire! Si tratta, dunque, di darti il permesso di cominciare di nuovo a sentire…questo è il primo e indispensabile passo per accedere all’abbondanza!

Arrivederci al prossimo appuntamento, in cui ti racconterò qualcosa su Percezioni, Sensazioni, Comprensioni!

abbondanza

ARTICOLI RECENTI

    Lascia un commento